Cosa potete trovare nell'area utenti

  • Home Page: riservata alle comunicazioni di Z-Lab verso i propri clienti
  • Anagrafica E-Mail: consente di verificare ed eventualmente variare gli indirizzi E-Mail che utilizziamo per contattarVi
  • Chiamate: permette di interagire col nostro Servizio Clienti in merito a segnalazioni e richieste di informazioni
  • Stato Licenze: visualizza i prodotti Z-Lab acquistati con le licenze attualmente attive
  • Interventi: permette di consultare l'archivio degli interventi effettuati dai nostri operatori, con possibilità di filtro da data a data
  • Z-Service: servizio Z-Lab per l'inserimento di dati in collaborazione con il personale della Vostra azienda
  • Downloads: Vi permette di scaricare in modo semplice le patch pubblicate per ogni singolo prodotto con le relative note di installazione

Istruzioni: Per avere informazioni sulle funzionalità dell'area riservata e le modalità di utilizzo, potete prelevare il file PDF Manuale Utente

Login area privata

Accedi all'area privata con le tue credenziali

Home / Azienda / News

News

  • 23.12.2007

Esito sfida 2007 Z-Lab - CETA

Z-Lab vince tutto

La sfida era prevista per le ore 19. Puntuali si sono presentati in campo tutti i giocatori.


Si segnala in particolare l'ingresso in campo di Valerio, che forse ispirato dal suo epico screensaver (300), è entrato in campo vestito da gladiatore, con tanto di elmo e scudo incitando i compagni al grido di "facciamoli a pezzi !!!" .
E pensare che solo poche ore prima si trascinava alla macchinetta del caffè distrutto dal virus dell'influenza. "Preparatevi alla gloria" ha aggiunto Marzio che nei panni di Mister della squadra Z-lab, ha magistralmente pianificato la sfida sin nei minimi dettagli.


La differenza di stile si è notata subito, all'ingresso delle due squadre: Z-Lab in perfetta tenuta con maglietta arancione e logo Z-Lab, CETA alla tiramo a campà...ogniuno con una propria maglia... No comment..

'esito è stato a favore di Z-Lab sia per la pallavolo che per il calcetto.

Si riportano alcune annotazioni sui giocatori Z-Lab:

Arturo:
Un concentrato di stile e consapevolezza. Sempre nelle posizioni corrette, sempre con la giusta risposta. L'esperienza di uno sportivo vero che ha saputo approfittare di ogni occasione, anche la più improbabile, per sferrare all'avversario delle frecciate mortali.


Massimo:
La roccia umana. Rapidità e forza fisica. Instancabile percorreva il campo in su e in giù senza mai concedersi un attimo di pausa. Anche lui con febbre e mal di tutto, ha giocato una partita prima a pallavolo e poi a calcetto, da manuale.


Roberto:
Il giocatore più flessibile, anzi ELASTico... ha dato una grande prova di forza, incassando una pallonata del temibile Zeni e facendo rimbalzare il pallone lontanissimo, sembra additrittura in Città Alta, ribaltando un tavolino della Marianna. Il tifo ha prontamente sottolineato l'azione inneggiando all'unanimità .... ELASTO, ELASTO !


Marzio:
Un'organizzazione di squadra perfetta. Ha fatto anche due parate impossibili a calcetto salvando la porta Z-Lab e sconfiggendo anche moralmente gli avversari. Uno strappo all'inguine l'ha costretto a trattenere con la mano la sua zona più erogena. La moglie, dagli spalti, per incitarlo, gli ha gridato: "vai tranquillo, tanto non hai molto da perdere li ...." non abbiamo capito bene cosa intendesse dire. Ma certo è che la prestazione di Marzio, l'unico giocatore che sa giocare anche a pallavolo con una mano sola, è stata davvero grande.

Dopo la sfida si dice che Silvio ( si, proprio lui, il povero Silvio) abbia telefonato a Marzio: "Mi consenta Mister, è vero, con il Milan abbiamo vinto la coppa intercontinentale, ma dopo aver visto la prestazione della sua squadra, mi sono venuti dei seri dubbi su Ancellotti e tutti gli altri...venga a cena da me con Colnago, ad Arcore.... mi chiami... "

 

Valerio:
Un vero eroe. Con la febbre, con il virus, ha praticamente annullato le schiacciate avversarie con muri che sembravano di cemento armato! Sia a pallavolo che a calcetto è stato sicuramente un punto di riferimento per tutti i suoi compagni di squadra.


Daniela:
E' stata davvero grande. Sempre disponiblie ad aiutare la squadra anche nei momenti di maggiore difficoltà , incitandoli sempre cantando NIENTE PAURA, NIENTE PAURA ...


Enza:
Ha superato se stessa, recuperando tutte le palle più difficili e alzandole per schiacciate rivelatesi imprendibili... Al giornalista di Sky Sport che l'ha intervistata all'uscita degli spogliatoi ha affermato: "Lavorando alla Servizio Clienti sono ormai un'esperta in situazioni critiche..."


Cristina:
Dobbiamo dire che ha dato il meglio di se, impegnandosi oltre ogni limite, buttandosi per recuperare palli imprendibili, salvando sempre situazioni difficili. Un addetto del Centro Italcementi, ha confidato di averla vista più volte in settimana, allenarsi da sola, giocando a pallavolo e tirando la palla da campo a campo, lanciandosi anche senza ginocchiere... Il massimo l'ha raggiunto facendosi delle schiacciate e lanciandosi dall'altra parte del campo per murarle...


Si è anche cimentata nella sfida a calcetto, sfiorando più volte il goal. Il suo compito era di marcare stretto ed atterrare il temibile Zeni. "L'avevo iscritta ad un corso di addestramento per pastori tedeschi tre mesi fa" ha confidato Colnago (Z-Lab), " ma nonostante la incitassi al grido di ATTERRALO, lei gli zampettava a destra e manca senza alcun ritegno... Ne dovremo parlare..."
Una particolare nota di merito a CETA per la sportività e correttezza con la quale ha disputato la sfida. Tra le fila di CETA si segnalano il solito temibile Zeni e l'irruente Bani, oltre al pericolosissimo Finelli...ma nel complesso tutta la quadra ha dato veramente il massimo pur di non prendersi le sconfitte che invece sono inesorabilmente state inflitte da Z-Lab, sia nella pallavolo che nel calcetto.

Dopo la sfida, in attesa della premiazione, le squadre ed i dirigenti presenti, si sono recati in pizzeria per un'esperienza che si rivelerà poi, nel corso della notte, indimenticabile..

Abbiamo capito subito, dopo la prima fetta, che la sfida non era ancora conclusa, ne iniziava un'altra con una pizza che si dice abbia ispirato il titolo dell'ultimo CD di Francesco Renga: Ferro e Cartone.

Due parole anche sul tifo.

 

Per Z-Lab era presente un tifo da San Siro con Stefano, Pontre, Paolix, Silvana, Stefania, Sabrina e Z-Miriam.

Per CETA sinceramente, come tifo, abbiamo "visto" e "sentito" poco, molto poco, preoccupantemente troppo poco... che prevedessero la sconfitta totale ?



Alla prossima.